Recensioni dei clienti
0 1 2 3 4 (4,8/5)

Recensione di Dario Giacalone,
0 1 2 3 4
Seconda volta che acquisto qui ed ancora una volta ottimo. Ho acquistato la prima volta diversi prod ...
giovedì, 27 settembre, 2018
Acquisto verificato
Recensione di Stefano,
0 1 2 3 4
Precisi e puntali. Bene cosi!
lunedì, 24 settembre, 2018
Recensione di Piero Silvestri,
0 1 2 3 4
Rapidi e precisi. Molto consigliati... :)
venerdì, 7 settembre, 2018
Acquisto verificato

Seguici su Facebook

I Macroelementi

Azoto

L’azoto è l’elemento più importante per una migliore attività vegetativa e riproduttiva. Esso stimola l’accrescimento della pianta e favorisce la formazione di nuovi germogli e fiori.

Sintomi di carenza di azoto sono: Clorosi fogliare (ingiallimento delle foglie), crescita lenta e stentata, produzioni basse.

Fosforo

Il fosforo è particolarmente importante nella fase di fioritura della pianta: esso aumenta la velocità di produzione sviluppo dei fiori e ne migliora la qualità estetica. Esso ricopre un ruolo fondamentale anche nella radicazione della pianta.

La carenza di fosforo ha sintomi simili a quella da azoto, con piante esili e che stentano a crescere.

Potassio

Il potassio fa sì che la pianta assorba l’acqua con più facilità, aumenta la resistenza al gelo ed agli attacchi parassitari. E’ inoltre efficace nel limitare gli effetti dell’eccessiva temperatura d’esposizione.

Sintomi della carenza di potassio sono l’ingiallimento centrale delle foglie, la facilità dell’appassimento della pianta e la necrosi fogliare (foglie che appaiono perennemente “appassite”).

 

Ogni tipo di pianta (a partire da una macrodivisione quale piante da fiore e piante verdi) necessita di una particolare quantità di ciascun macroelemento. Per questo è sempre meglio utilizzare concimi specifici (concime per rose, surfinie, siepi, etc.), in modo da apportare le giuste percentuali di NPK alla pianta che si sta nutrendo. Ad esempio un concime per piante verdi sarà sempre ricco d'azoto, in quanto incide direttamente sulla produzione delle foglie e sulla loro qualità; al contrario un concime per piante fiorite avrà più fosforo, che è fondamentale per dei fiori rigogliosi.

I Microelementi

I microelementi agiscono in quantità limitate ma svolgono un ruolo fondamentale per i processi biochimici e fisiologici della pianta. La carenza di microelementi, che si riconosce spesso attraverso alterazioni della colorazione delle foglie e dello sviluppo della pianta, può compromettere seriamente la produttività delle colture. Un’ottima disponibilità di microelementi è fondamentale per raggiungere produzioni di elevato valore qualitativo. Per questa ragione è conveniente non solo curare rapidamente le carenze di microelementi al loro manifestarsi, ma cercare di prevenirle con trattamenti mirati. Un concime contenente microelementi è sicuramente indice di un prodotto di qualità. 

Puoi trovare una guida in dettaglio ai microelementi cliccando QUI

Concimi a Lenta Cessione

Un concime a lenta cessione contiene delle sostanze in grado di diluire nel tempo il rilascio dei macroelementi presenti al suo interno, in particolare l'azoto. Questi prodotti sono ideali nelle fasi di mantenimento delle piante, ad esempio durante l'inverno o l'estate. In questi periodi infatti la pianta non produce rapidamente nuova vegetazione come, ad esempio, all'inizio della primavera. Al contrario nel momento della ripresa vegetativa dopo l'inverno è più efficace un concime a rilascio rapido: la pianta infatti assorbe le sostanze nutrienti in periodo di tempo ristretto, necessitando di avere a disposizione più concime e subito. Queste linee guida sono valide in generale, ma bisogna ricordare che ci sono piante che hanno necessità diverse, come ad esempio alcune piante da appartamento.

Come riconoscere le qualità dei nostri concimi

Qualsiasi concime presente all'interno del nostro negozio contiene un tab "Scheda Tecnica"

All'interno di questo tab è possibile trovare tutte le informazioni necessarie alla corretta identificazione del prodotto

Se non lo hai già fatto, consulta la nostra guida per la scelta del formato di concime più adatto a te cliccando QUI